Catania, 17/12/2015

Nei giorni scorsi siamo stati invitati dalla dottoressa Carla Cimino, medico specializzanda in Pediatria, nonché  una fra i tanti giovani medici in prima linea presso il Reparto di Oncoematologia Pediatrica a partecipare ed essere soprattutto presenti durante l’annuale tombola riservata a studenti universitari organizzata da Orizzonte Italia, dall’Associazione Universitaria Ricreativa Culturale ARES e dal Segretariato Italiano Giovani Medici SIGM il cui intero ricavato sarebbe stato destinato alla nostra Associazione.

A partire dalle ore 20,00  del 15,  nei locali della sala Museion della  Residenza ERSU Centro di Via Verona 25 di  Catania, è stato molto simpatico assistere all’arrivo di tanti e sorridenti giovani che all’ingresso portavano qualcosa di proprio  (dolci, pizze, scacciate, panettoni, bibite, ecc.) da lasciare in un enorme tavolo sempre più ricco di alimenti, al loro sereno ed allegro parlottare in gruppetti nell’enorme sala,  alla vendita delle cartelle per la tombola o dei biglietti per il sorteggio di numerosi premi, richiesti  dagli organizzatori a tanti sensibili commercianti etnei.

Passa il tempo e finalmente il bravo presentatore annuncia  il tema della serata e gli ospiti.  Sul palco dapprima il dr. Luca Lo Nigro che brevemente evidenzia l’importante ruolo che riveste l’Ibiscus per i familiari ed  i ragazzi in cura nonché per tutto il personale del Reparto di OE e poi il nostro Presidente che presenta sinteticamente alla numerosa ed  attenta platea di giovani presenti gli scopi, gli obiettivi raggiunti e da perseguire e le attività della nostra Associazione a favori dei piccoli guerrieri.

Cominciano le estrazioni, sul palco quattro  deliziose ragazze con cappello stellato e luminoso da Babbo Natale aiutano il conduttore ad tirare  fuori i numeri che compaiono giganti sullo schermo luminoso. Si susseguono ambo, terno, quaterna, cinquina, tombola, tombolino, tra esilaranti risate, gioiosi commenti, simpatiche battute, per un semplice momento di condivisione, di aggregazione, di solidarietà. In prima fila presente il prof. Faraci docente del Dipartimento di  Economia e Gestione delle Imprese, figura molto stimata dagli studenti, che è voluto essere presente assolutamente  all’evento.

C’è il tempo per una pausa-spuntino. Ma è necessario tirar fuori qualche soldino per avere qualsiasi cosa sistemata in quella tavola imbandita: occorre incrementare la somma destinata alla beneficienza e nessuno si tira indietro.

Il tempo passa: due giri di tombola, vengono estratti i numeri dei sorteggi, tanti ragazzi salgono a ritirare i numerosissimi premi. Eccezionale, bravi ragazzi, veramente un lavoro eccelso! Si fa tardi, ma nonostante tutto c’è il tempo di comporre le squadre ed assegnare i telecomandi per il gioco dei “cervelloni”, a fare il brindisi finale, a conteggiare quanto raccolto. E’ ormai notte fonda.

Il giorno dopo la consegna di quanto raccolto: una cifra importante: € 775,60.

Grazie Carla, grazie a tutti quelli che hanno voluto organizzare questa serata e destinare i proventi all’Ibiscus, grazie a tutti gli intervenuti perché nonostante il bel momento ludico e di svago avete voluto conoscere quale è la nostra realtà, cosa significa per un nostro ragazzo  trovarsi in una disagiata situazione di malattia, quanto sia importante  donare un sorriso a chi è meno fortunato di voi.

 

LEGA IBISCUS ONLUS