30/04/2017

Sabato scorso eravamo pienamente immersi ed impegnati nella prima ed “nuovissima” avventura milanese, splendidamente organizzata da SIAMO e FIAGOP, insieme a FC Internazionale, CSI Comitato di Milano, Coni e Pirelli: la “Winners Cup”, torneo di calcio a sette per adolescenti in cura presso le oncologie pediatriche italiane.

Partiti da Palermo e Catania con tanto entusiasmo, ci siamo ritrovati a Milano, ragazzi ed accompagnatori, a condividere ogni istante, ogni sensazione, insieme, ad incamerare ed acquisire in modo consapevole il coinvolgimento prodotto dalla presenza contemporanea di tantissimi ragazzi di 12 centri di oncoematologia pediatria italiana e dei loro familiari/amici.

Dopo la bellissima parata di presentazione di tutte le squadre nel Centro Sportivo Giovanile di formazione dell’Inter intitolato Giacinto Facchetti, la consegna delle fasce di capitano ai membri delle varie squadre, soltanto tre sono state partite disputate dalla nostra compagine ….. tutte perse: la prima 0-3 contro Padova, in piena emozione; la seconda contro Monza, persa sempre 0-3, con determinazione, ma con molta sfortuna; la terza 1-3 contro Aviano/Udine, in piena scioltezza, con l’unico gol del brillante Prof. Di Cataldo. Gli schemi di gioco sagacemente preparati dai nostri due allenatori Giuseppe e Vincenzo sono stati in un primo tempo applicati dai nostri stupendi ragazzi che, dopo la prima partita, hanno calcato, tutti indistintamente il campo di gioco, senza alcuna tecnica, ma con grinta e spensieratezza.

La bellissima premiazione finale, con medaglie per tutti e foto finale a centro campo è stato un meraviglioso spettacolo, goduto da plaudenti spettatori, con la promessa da parte degli organizzatori che questo evento, che è servito per far conoscere la realtà degli adolescenti presenti nei vari Centri di Cura in Italia, sarà il primo di una lunga serie.

Ha scritto un giovane: “Non importano i risultati, le reti prese e quelle segnate, la classifica e i premi, i piedi dolenti e le facce scottate dal sole. C’erano tutti gli amici. C’era chi ha passato avventure simili alla mia. C’era chi le ha condivise. C’era chi si impegna per la vita degli altri. E chi non c’è più, c’era ancora più di prima. Esserci stato per me è già aver vinto tutto”.

Per noi è stato particolarmente bello cogliere l’istantanea coesione dei nostri ragazzi, l’amalgama che è nato a prescindere dalla differenza di età dei ragazzi o dall’appartenenza a questa o quella città. Li abbiamo sentiti parlare, in modo sereno, delle loro esperienze dentro e fuori dall’ospedale, delle loro storie più o meno lunghe e/o dolorose, dei loro attuali progetti, ma soprattutto della loro grande “voglia di vivere”………

L’ultimo atto Venerdì pomeriggio a Palermo, a Villa Niscemi, dove il Sindaco Orlando ha voluto consegnare a tutti i componenti della Squadra un semplice, ma quanto significativo encomio di gioia, speranza e solidarietà.

Grazie A.S.L.T.I; Grazie Ibiscus. La collaborazione O.P.S. (Oncoematologia Pediatrica Siciliana) comincia a produrre buoni frutti. Continuiamo per questa via, per i nostri ragazzi, per le nostre famiglie, con i nostri amici, con i nostri volontari, certi di costruire nuovi e migliori orizzonti per un prossimo ed imminente futuro di tutti quelli che ne hanno o ne avranno bisogno.