Grandi e piccoli a bocca aperta in un’unica grande magia, un miracolo, intriso di semplicità, realizzato dall’attrice Graziana Maniscalco con il suo spettacolo “Rosa Spina”. La fiaba dei celebri fratelli Grimm ha animato il terzo piano del padiglione 4 del Policlinico di Catania in un ambiente familiare e ricco di colpi di scena.

Dalla tenacia di Re e Regina, all’originalità del cuoco e della filatrice, fino ad arrivare alla simpatia della sarta e del pasticciere e alla eterogeneità delle sette fate, tutti protagonisti di un’affascinante storia con protagonista la piccola “Rosa Spina”.

Nello scenario antistante al reparto di oncoematologia pediatrica, i volontari di “Lega Ibiscus Onlus”, associazione dei genitori dei bambini in cura o fuori terapia, hanno predisposto una calda accoglienza per i tanti spettatori presenti, mentre l’abile attrice Graziana Maniscalco coinvolgeva con i suoi continui cambi di voce adattati ai simpatici pupazzi.

I piccoli grandi eroi hanno seguito con interesse e partecipazione la trasformazione della protagonista da rosa a splendida e desiderata bambina, l’ira della fata grigina e la conseguente maledizione capace di far sprofondare Rosa Spina e gli altri protagonisti in un sonno apparentemente perenne.

L’ospedale da luogo di cura si è trasformato in palcoscenico di divertimento, capace di far svagare e dimenticare i problemi, di stupire proprio come fa la vita, proprio come il principe che baciando Rosa Spina l’ha risvegliata da un lungo torpore.
Una giornata di speranza per tutti orchestrata dalla professionalità del Centro Teatrale Siciliano e resa speciale da “Ibiscus” e dalla sua missione per i ragazzi ricoverati.
CLAUDIO COLOMBRITA